Sicurezza cantieri: chi è il responsabile della sicurezza?

c_600_313_16777215_00_images_blog_Chi__responsabile_della_sicurezza_cantieri3.jpg

Il Titolo IV e la gestione dei cantieri

Il titolo IV del D.lgs. 81/2008 prevede una disciplina dettagliata per la tutela della salute e della sicurezza nei cantieri. Letteralmente il titolo IV si riferisce ai “cantieri temporanei o mobili”, ma contiene anche misure organizzative speciali applicabili ai lavori edili o di ingegneria civile.

In primo luogo, bisogna delimitare il significato del termine “cantiere”. L’art. 89 lo definisce come luogo in cui si effettuano lavori edili o di ingegneria, caratterizzato da due elementi:

  • La temporaneità, intesa come la previsione di una durata limitata nel tempo delle attività volte alla realizzazione dell’opera.
  • La mobilità, quale peculiarità di non essere fisso in un determinato luogo, in quanto destinato a essere spostato nel territorio per la realizzazione di un’opera di grandi dimensioni, come a esempio i cantieri stradali, che avanzano di giorno in giorno.

I soggetti obbligati al rispetto delle norme in materia di sicurezza sono molteplici:

  • Committente
  • Responsabile dei lavori
  • Coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione
  • Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione
  • L’impresa affidataria
  • Le imprese esecutrici e i lavoratori autonomi

La figura di principale responsabilità all’interno del cantiere è sicuramente il Committente, soggetto per cui l’intera opera progettata viene eseguita.

Il committente può essere un soggetto privato o pubblico. In quest’ultimo caso il soggetto responsabile deve essere individuato nella persona che ha poteri decisionali e di spesa per la gestione dell’appalto.

La figura del committente è fondamentale perché risponde degli obblighi decisionali e programmatico – progettuali del cantiere. Tuttavia, questi poteri possono essere trasferiti al Responsabile dei lavori, esonerando il committente da ogni responsabilità.

In origine il conferimento dell’incarico al Responsabile dei Lavori non esonerava il committente da responsabilità, ma il decreto correttivo n. 106/2009 ha modificato la disciplina, eliminando il dovere del committente di effettuare verifiche sull’operato del Responsabile dei Lavori.

I doveri principali del committente sono:

  • Applicare le misure generali di tutela. È un obbligo programmatico di individuazione e valutazione di tutti i rischi per la sua attività, anche al fine di adottare tutte le misure di prevenzione e protezione idonea eliminare alla fonte i rischi presenti nel cantiere.
  • Designare il progettista e il coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione nel caso in cui nel cantiere siano presenti più imprese.
  • Prendere in considerazione e applicare le disposizioni che sono contenute nel Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC).
  • Designare il coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione, prima dell’affidamento dei lavori, nel caso in cui nel cantiere siano presenti più imprese contemporaneamente.
  • Individuare l’impresa affidataria o il lavoratore autonomo per la realizzazione dell’opera.
  • Verificare l’idoneità tecnico professionale dei lavoratori autonomi o delle imprese affidatarie ed esecutrici. In particolare, deve richiedere la documentazione idonea e prevista dalla legge.
  • Richiedere alle imprese esecutrici: la dichiarazione dell’organico medio annuo, distinto per qualifica; gli estremi delle denunce INPS e INAIL dei lavoratori; il documento di regolarità contributiva (DURC) e la dichiarazione relativa al contratto collettivo applicato.
  • Comunicare il nominativo del CSP e del CSE alle imprese esecutrici e renderlo pubblico nel cartello del cantiere.
  • Controllare l’operato del CSP e CSE e nel caso in cui questo non sia ritenuto adeguato all’entità e alle caratteristiche delle lavorazioni, sostituirli con soggetti maggiormente preparati.
  • Tramettere all’amministrazione competente, prima dell’inizio dei lavori soggetti a SCIA (segnalazione certificata di inizio attività) tutti i documenti necessari all’avvio dei lavori.
  • Sospendere l’attività in caso di pericolo grave e imminente.

Si deve precisare, infine, che la nomina dei CSP e del CSE non esonera il committente dall’obbligo di vigilare sull’adempimento dei relativi e rispettivi obblighi.

Dall’analisi dei doveri appena descritti emerge chiaramente l’importanza del ruolo della committenza all’interno del sistema della sicurezza nei cantieri e della necessità della creazione di una rete di soggetti che la coadiuvino e che realizzino un sistema di tutela idoneo a evitare che si verifichino infortuni o danni durante la realizzazione dei lavori.