Consulenza sicurezza: le 5 cose più importanti da sapere

Consulenza Sicurezza

La sicurezza sul lavoro è un tema importante e ogni azienda (indipendentemente dalla grandezza e dalla tipologia) deve tenerne conto, sia per una questione legale sia di responsabilità verso i lavoratori. E' il Decreto Legislativo 81/2008 che detta legge in questo caso, conosciuto anche come "Testo Unico" sulla sicurezza sul lavoro. Il datore di lavoro di ogni azienda deve fare in modo che i propri dipendenti lavorino in sicurezza e deve accertarsi di ridurre al minimo i possibili incidenti relativi al tipo di lavoro svolto. Può comunque richiedere una consulenza sicurezza sul lavoro così da poter essere affiancato da un'azienda specializzata e non commettere errori. Il RSPP (Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione) è la persona, nominata dal Datore di lavoro, in possesso dei requisiti professionali di cui all’art. 32 che deve coordinare il servizio di prevenzione e protezione. Il RSPP deve principalmente occuparsi dei 5 seguenti compiti: 1. eseguire sopralluoghi degli ambienti lavorativi con verifica delle condizioni di pericolo e degli ambienti di lavoro 2. collaborare col datore di lavoro nella elaborazione di dati necessari alla descrizione aziendale ed alla corretta valutazione dei rischi conseguenti 3. presentare piani formativi ed informativi per i lavoratori in materia di prevenzione e sicurezza 4. monitorare lo status aziendale e programmare interventi di mantenimento e miglioramento per la sicurezza dei lavoratori 5. Redigere quindi, in collaborazione con il Datore di lavoro, il Documento di Valutazione dei Rischi con annesso Piano di Miglioramento

Consulenza sicurezza: le 5 norme principali

Tra le norme in tema occorre ricordare il decreto legislativo del 19 settembre 1994, n. 626, che ha sostituito la vecchia normativa risalente agli anni '50. La salute e la sicurezza sul lavoro furono poi regolamentate mediante legge delega del 3 agosto 2007, n.123 e dal successivo decreto attuativo del 9 aprile 2008 n. 81 (Testo unico sulla sicurezza sul lavoro), entrato in vigore il 15 maggio 2008, successivamente modificato dal d.lgs. 3 agosto 2009 n. 106, attualmente in vigore. E’ inoltre importante ricordare che Il Testo Unico per la Sicurezza disciplina anche la prevenzione incendi sui luoghi di lavoro e nella versione aggiornata a maggio 2014, inserisce esplicitamente in calce al testo stesso il Decreto Ministeriale 10 marzo 1998, “Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro”. Infine, per ciò che concerne la formazione in materia di salute e sicurezza, occorre rifarsi all’Accordo Stato-Regioni n. 221 - CSR del 21 dicembre 2011 (Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per la formazione dei lavoratori ai sensi dell’articolo 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81).

Consulenza sicurezza: 5 punti sui quali essere intransigenti

E’ quindi possibile riassumente, nei seguenti 5 punti, gli aspetti principali circa i quali un buon Consulente della Sicurezza deve essere intransigente: 1. l’individuazione dei fattori e delle sorgenti di rischio 2. la riduzione del rischio 3. il monitoraggio continuo delle misure preventive 4. l’elaborazione di una strategia aziendale accettata e condivisa 5. la predisposizione di un piano di miglioramento e di mantenimento.

SAFETYONE INGEGNERIA SRL è una società di ingegneria operante nel settore igiene e sicurezza sul lavoro, è in grado di offrire un valido supporto a tutte le tipologie di aziende, grazie a metodologie di problem solving ampiamente sperimentate. SAFETYONE INGEGNERIA SRL è al servizio di imprese private e pubbliche per il miglioramento dei sistemi aziendali, l’incremento della competitività nel mercato ed il rispetto delle norme cogenti: è il buon consulente sicurezza al quale affidarsi. CONTATTACI.