Sicurezza nei cantieri: prevenzione e protezione

sicurezza nei cantieri

Il cantiere è inteso come un’area di lavoro temporanea nella quale si svolgono lavori di costruzione edile o di ingegneria civile. I cantieri possono essere fissi (ad esempio quelli per la costruzione di un edificio), o mobili (per la realizzazione di strade, gallerie, ferrovie, ecc.). Statisticamente parlando, il cantiere è uno dei luoghi di lavoro più a rischio, nel quale cioè, è più facile incorrere in eventi accidentali o infortuni sul lavoro. Di conseguenza garantire la sicurezza nei cantieri è diventata una priorità per tutte le aziende e i committenti. La normativa vigente prevede una regolamentazione particolarmente complessa e puntuale finalizzata alla salvaguardia dei lavoratori .

Sicurezza nei cantieri: norme e prevenzione

La normativa relativa alla sicurezza nei cantieri è molto articolata e affonda le proprie radici nel lontano 1956, con il DPR 164/1956 (Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni). Tale norma non prevedeva ancora un elemento fondamentale ai fini della sicurezza, ovvero l'analisi dei rischi e la pianificazione delle misure per contrastarli efficacemente. In seguito la Comunità Europea ha emanato la Direttiva Cantieri 92/57/CEE per la gestione dei cantieri temporanei o mobili. In Italia questa Direttiva è stata recepita attraverso il D.lgs. 494/1996 con delle varianti rispetto alla norma originaria. Con questo Decreto sono stati introdotti disposizioni importanti sull'utilizzo dei dispositivi per la protezione individuale (DPI) e dei dispositivi per la protezione collettiva (DPC). Infine, con il D.lgs. 81/2008, definito testo unico sulla sicurezza sul lavoro, il D.lgs. 494/1996 è stato abrogato e inserito nel TUS al Titolo IV, capitolo specificatamente dedicato alle norme per garantire la sicurezza nei cantieri edili.

Sicurezza nei cantieri: PSC, PSS e POS

Il PSC è acronimo di Piano di sicurezza e coordinamento, ed è il documento necessario alla pianificazione della sicurezza nei cantieri edili dove sono previste contemporaneamente più imprese esecutrici. Il PSS, invece corrisponde al Piano di sicurezza sostitutivo, che rappresenta il documento da predisporre, nel caso di lavori pubblici, per i cantieri con una sola impresa esecutrice. Infine, il POS, ovvero il Piano operativo di sicurezza, è il documento che il Datore di Lavoro dell’impresa esecutrice redige per la pianificazione in sicurezza delle proprie attività. Una corretta pianificazione del cantiere deve necessariamente individuare:

  • l'analisi delle attività operative
  • individuazione dei soggetti che intervengono in cantiere
  • analisi del cronoprogramma delle attività
  • analisi delle interferenze lavorative.

Sicurezza in cantiere: analisi dei rischi

La valutazione dei rischi ha la finalità di individuare gli interventi più opportuni per prevenire malattie e infortuni sul lavoro e, in generale, di ridurre la possibilità che si verifichino eventi dannosi. Gli interventi di protezione invece tendono a limitare gli effetti negativi di un eventuale evento dannoso. Nello specifico gli interventi che il Committente deve adottare sono:

  1. misure organizzative, operative e aggiornamenti tecnologici;
  2. misure tecniche di prevenzione e protezione collettiva e individuale;
  3. prevedere la dotazione e l’utilizzo, da parte di tutti i lavoratori, di adeguati dispositivi di protezione individuale e collettiva;
  4. attività di informazione, di formazione e di addestramento dei lavoratori.

Sicurezza nei cantieri: formazione e informazione

I rischi legati all’attività lavorativa nei cantieri sono molteplici e riconducibili a diversi fattori:

  • rischi connessi a carenze organizzative
  • interferenze tra attività lavorative
  • rischio di cadute dall'alto
  • investimenti e schiacciamenti
  • esposizione al rumore e alle vibrazioni
  • rischio di contatto con agenti o sostanze chimiche
  • rischio biologico

Imparare a conoscere tali rischi (e altri di natura specifica) determina la riduzione della probabilità di accadimento di eventi potenzialmente dannosi.

Strumenti molto importanti, nell’ambito della sicurezza nei cantieri, sono la formazione, l'informazione e l'addestramento dei lavoratori, elementi indispensabili per aumentare la consapevolezza e sensibilità di ciascun lavoratore.